sebina, you, servizi, biblioteca, utente

I Majia - Fiabe Miti e Storie della Calabria Greca

Indirizzo

Pentedattilo

Contatti & Social

Altri link

Ricerca a tema

Calendario Eventi & News

Novembre 2017
Nessun evento in questo mese
L M M G V S D 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

progetto

Il progetto, lanciato nel luglio 2015, è in corso.
L’obiettivo del Progetto I Majia è intervenire, attraverso la cultura e l’arte, per contrastare lo spopolamento e l’abbandono che caratterizza i Borghi dell’Area Grecanica. Iniziato con la ricerca e lo studio di testi che hanno come tema centrale l’Area (dall’Antropologia all’Archeologia alla Letteratura), l’esplorazione fotografica dei Beni e dei Paesaggi dell’Area, ed il contatto con la comunità locale, è proseguito nel corso del 2015 con la realizzazione di Workshop Teatrali, Costume, Modellazione 3D, Residenza d’Artista, scrittura di libri. A luglio 2016, sono previste le attività di restituzione pubblica attraverso Mostre fotografiche, perfomance, workshop.

 Scarica il pieghevole

Éna νyáģģο ίχe .... Una volta c’era

I Majìa - I Pentacunti Grecanici, Fiabe dallo Spopolamento è un Progetto di Arte Pubblica che promuove la creazione di uno spazio di ricerca, sperimentazione e produzione di Teatro Multimediale e Arti Visive, per la valorizzazione, con un’estetica contemporanea, del Patrimonio di Fiabe, Miti, Storie e Leggende della Calabria Greca.

La prima edizione di I Majìa,  lanciata nel luglio del 2015, ha dedicato alle Fiabe Grecaniche il Teatro e la Staged Photography, vale a dire la trasposizione visiva attraverso la realizzazione di immagini fotografiche, di  Fiabe e Canti della tradizione e contemporanei. Il progetto ha visto materializzarsi molte e diverse attività grazie al coinvolgimento di numerosi membri della comunità locale, artigiani, attori, studiosi  e qualificati  Partner quali l’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria, Aniti Impresa Sociale (innovazione sociale),  l’Associazione Propentedattilo (Accoglienza e ospitalità). Sono state condotte esplorazioni e ricerche fotografiche e bibliografiche su Beni e Paesaggi dell’Area Grecanica; realizzati workshop teatrali  con gli attori dell’Accademia Teatrale Carmen Flachi di Melito e con i bambini di Bova. Si è iniziato un percorso di ricerca sui simboli e i riti dell’Area insieme a Tito Squillaci, che ha condotto delle masterclass con gli studenti di Scenografia dell’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria, che guidati poi dalla professoressa Antonietta Scordo hanno lavorato intensamente per creare i costumi dei personaggi. I soggetti che interpretano le scene delle fiabe e delle storie sui set fotografici sono i membri delle comunità di Melito, Pentedattilo, Palizzi, Bova, Bagaladi, Reggio Calabria, in posa in esterno nei paesaggi della Calabria Greca, in costume, con gli abiti confezionati a mano, secondo stili e con colori e tessuti della tradizione grecanica, dai costumisti dell’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria e della Sartoria Teatrale “Polvere di Fata” di Melito. Sempre in Accademia, gli studenti di Modellazione 3D, con la guida del professore Saverio Manuardi ed il supporto dell’archeologo Riccardo Consoli, hanno ricostruito il Castello di Pentedattilo in versione tridimensionale.
I luoghi scelti per i set: Pentedattilo, per Setolosa la Biancaneve Grecanica e per la Marchesina Antonietta Alberti; Bova, per il Matrimonio Bizantino; un bergamotteto lungo la Fiumara Amendolèa per il Principe Berchàm; la Fiumara Amendolea, per la Naràda.

Il primo dei Pentacunti Grecanici, “La Danza della Naràda”, pubblicato nell’Aprile 2016 da Rubbettino Editore all’interno della Collana Editoriale del Parco Culturale della Calabria Greca, progetto nato all’interno del PSL Neo Avlaci del GAL Area Grecanica, è un racconto per immagini  dedicato ad una figura  leggendaria grecanica, la Naràda, il fantasma antropofago metà donna e metà asino.


Le attività realizzate:

  • Esplorazione e ricerca fotografica su beni e paesaggi dell’Area Grecanica
  • Workshop Teatrali con Cittadini,  Bambini ed Attori dell’Accademia Teatrale “Carmen Flachi” di Melito
  • Workshop con  6 studenti dell’Accademia di Belle Arti, Corso Scenografia e Costume, Professoressa Antonietta Scordo,  per disegno e realizzazione di 7 costumi di scena
  • Workshop con 3 studenti dell’Accademia di Belle Arti in Modellazione 3D, Professore Saverio Manuardi, per la ricostruzione del Castello di Pentedattilo
  • Workshop e Residenza d’Artista con 6 studenti dell’Accademia di Belle Arti per Fotografia/ Staged Photography, con sede nel Borgo di Pentedattilo ed attività presso Bova, Fiumara Amendolea, Pentedattilo
  • Set di Staged Photography per l’elaborazione di un Racconto per Immagini, con recitazione e lettura  da parte di attori e posa da parte di modelli, dedicate a Fiabe e Canti della tradizione della Calabria Greca nei Siti e nei Borghi dell’Area Grecanica
  • Progettazione, anche in collaborazione con altri esperti di settore, di dotazioni strumentali per le attività culturali fotografiche e teatrali nei Borghi della Calabria Greca per:
  • Spazio Culturale nel Borgo di Pentedattilo: Sala Mostre, Proiezioni, Prove Teatrali
  • Spazio Culturale nel Borgo di Bova: Teatro
  • Parco attrezzature Fotografiche e Sala Posa ( macchine, obiettivi, flash da studio etc)
  • Supporti per esposizioni fotografiche: Cornici e Cavalletti in legno di castagno intarsiati con motivi grecanici; Pannelli a Led.
  • Pubblicazione del primo dei PentaCunti Grecanici, “La Danza della Naràda” della Collana Editoriale del Parco Culturale della Calabria Greca

PROGRAMMA

I Majìa fonda il proprio modello di azione e produzione artistica sulla interdisciplinarietà, coinvolgimento della comunità e Partnership allargate ad Enti di varia natura.
I Majìa realizza attività di:
  • Ricerca
  • Workshop
  • Seminari
  • Residenze d’Artista
  • Laboratori
  • Produzioni artistiche -  Mostre Fotografiche, Spettacoli, Performance…
  • Utilizza e valorizza gli Spazi Teatro e Sala Mostra a Bova e Pentedattilo

ARTISTI

Stefania Gareri. Responsabile Artistico

STEFANIA GARERI -Regista Teatrale. Discepola di Perla Peragallo, esponente di punta dell’avanguardia teatrale italiana, ne porta avanti la pratica dell’attore-autore e della ricerca della poeticità umana nell’azione teatrale, diretta verso lavori a forte tensione politica, estetica ed etica. Da sempre esplora la multimedialità, sviluppata anche attraverso la collaborazione con altri artisti, in cui centrali sono musica e fotografia. Con il logo Teatro Sudd produce spettacoli e realizza progetti e laboratori di Teatro Sociale.

Paola Gareri. Partner Artistico

PAOLA GARERI -Fotografa, viaggiatrice d’oriente, attivamente impegnata per il popolo tibetano in esilio. Innamorata della propria terra, la Calabria, della sua forza e della sua luce. Ha studiato arte e letteratura a Bologna e a Roma, specializzata in fotografia allo IED. Ha iniziato la sua attività come fotografa nel progetto di ricerca demo-etno-antropologica del MIBACT “Il Folklore un bene culturale vivo” per la costituzione di un archivio fotografico sulle feste religiose in Italia. Fotografa per il teatro e il cinema. Autrice di varie mostre e pubblicazioni su paesaggio e ritratto.

PARTNER

 

ANITI IMPRESA SOCIALE -Aniti è un’Impresa Sociale nata da un gruppo di giovani calabresi dall’eterogeneo background culturale e animati da un comune imperativo: innovare socialmente il proprio territorio. Sviluppa progetti e piattaforme di innovazione sociale. La sintesi della mission di Aniti è la piattaforma RisorgiMenti.Lab, che integra, in un ambiente di lavoro cooperativo ed intuitivo, gli strumenti di lavoro necessari per la realizzazione dei Progetti di Innovazione Sociale (partecipazione civica, concorsi di idee, progettazione partecipata, crowdfunfing, baratto e banca del tempo, valorizzazione di beni inutilizzati).

 

Associazione Pro Pentedattilo -L’associazione Pro-Pentedattilo è una associazione di volontariato onlus.
Gli scopi sociali che persegue l’Associazione sono: la tutela delle cose di interesse artistico e storico; biblioteche; tutela della natura ed ambiente e ne promuove la cultura e le attività di formazione, avvalendosi del lavoro volontario e gratuito dei soci.
Organizza visite guidate, escursioni, ed attività turistiche in genere. Gestisce strutture ricettive ostello della gioventù, case per ospitalità diffusa, ristorazione al fine di dare valore all’area Grecanica ed ai prodotti artigianali e gastronomici.

 

Partner del Concorso “Workshop e Residenze d’Artista nell’Area Grecanica”. Allievi e docenti referenti dei 3 Workshop realizzati con I Majìa:
  • Workshop Costume: Professoressa Antonietta Scordo, Tutor Larysa Sorokina. Studenti: Desirée Anastasi - Antonella Cilione - Natalia D’Andrea - Elena Iannello - Antonio Puro - Karim Todaro. BodyPainting: Elena Jannello.
  • Workshop Fotografia. Studenti: Maria Grazia Cedro - Miriana De Luca - Elena Iannello - Vincenzo Miano - Federica Romeo. Aiuto Scenografa ed Assistente Set: Elena Jannello.
  • Workshop Modellazione 3D: Professore Saverio Manuardi. Studenti: Cloè Chabert - Gabriele Bertucci - Stefany Nucera.

 

Accademia Drammatica Melitese - Valeria Crea, Adriana Cuzzocrea, Cristina Capua, Angelo Fazio, Candida Lasco, Francesca Manti, Concetta Rappocciolo, Samanta Zaccuri

 

I Bambini di Bova -Alessandro Casile – Luca Criseo – Pietro D’Aguì – Alessia Mafrica – Simona Mafrica – Davide Romeo – Martina Romeo – Sofia Romeo – Maria Trapani.

 

Associazione Polvere di Fata - Sartoria Teatrale -Make Up artistico, manifattura Costume del ‘600, Costumi del Matrimonio Bizantino. Cristiana Capua – Giuseppina Costarella – Rossella Minniti.

ESPERTI E STUDIOSI PARTECIPANTI

 
Ettore Castagna
ETTORE CASTAGNA -Ettore Castagna, nasce a Catanzaro nel 1960. Si interessa di antropologia culturale, giornalismo, etno-musicologia, letteratura. Fin dal 1980 si interessa della lingua, della cultura e della realtà dei greci di Calabria coordinando progetti di animazione territoriale e recupero attivo della memoria storica. Un settore al quale ha dedicato particolare attenzione è quello dell’antropologia del turismo, con particolare attenzione all’impatto del fenomeno turistico in alcune aree del Mediterraneo (Baleari, Calabria). Negli ultimi venti anni ha partecipato e coordinato l'animazione territoriale e la progettazione nell'ambito di varie attività di valorizzazione delle culture locali nel quadro dei fondi L.E.A.D.E.R. dell’Unione Europea. Significativa, come antropologo, la sua esperienza di ricerca "sul campo" e di documentarista sin dai primi anni '80; quella, variamente articolata, nel mondo della comunicazione, del giornalismo e dei media e l'attività didattica nell’Università, nelle scuole statali, nell'Accademia di B.A. ed in altre tipologie di corsi professionali, seminari, stages, etc Trentennale infine l'esperienza di musicista nell'ambito etno-acustico pima con il gruppo di World Music Re Niliu (1979-2001) successivamente con Nistanimera. Attualmente è il band leader di Antiche Ferrovie Calabro-Lucane. Ettore Castagna ha ideato e diretto il festival Paleariza dal 1997 al 2010 e dal  2013 al 2015.
Tito Squillaci
TITO SQUILLACI - Ellenofono, fin dai primi anni ’70 socio del primo circolo culturale greco-calabro “La Jonica dei Greci di Calabria”; successivamente, anche dell’“Associazione Calavrìa di Greci e Albanesi di Calabria” e dell’associazione “Jalò tu Vua” di Bova Marina, della quale è stato cofondatore ed è attualmente presidente. Usa esclusivamente il greco-calabro come lingua veicolare con le proprie figlie. Fondatore e responsabile per molti anni del “Gruppo di ricerca e canto tradizionale greco-calabro Jalò tu Vua”, con il quale ha pubblicato il primo Lp di musica tradizionale con canti in lingua greka (I Riza). Con l’associazione Jalò tu Vua, ha ideato l’Imèra ti glossa greka, giornata di incontro riservata ai parlanti greco, realizzata dal 1999 al 2007. Con la stessa associazione ha partecipato alla realizzazione del primo DVD con una commedia interamente recitata in greco-calabro (To fukàri ti jenìa) e al primo DVD di una favola tradizionale con cartoni animati (I stratìa tis agàpi). Della favola è autore della versione greca e del commento. Coordinatore dell’Istituto Regionale Superiore di Studi Elleno-calabri (IRSSEC) dal 28.01.04 al 13.04.05; impegnato per la rivitalizzazione della tradizione bizantina della Calabria, conoscitore della tradizione liturgica e membro della “Comunità Bizantina San Cipriano di Reggio”. Consigliere comunale di Bova Marina, con delega alla Cultura e Minoranze Linguistiche, dal 2008 al 2011, membro della Direzione Generale del Parco Archeologico “Archeoderi” nel medesimo periodo. Sia in italiano che in greco moderno autore di pubblicazioni, articoli di stampa, conferenze, interviste a radio e tv in Italia, in Grecia e a Cipro. È autore di pubblicazioni anche di argomento pediatrico. Docente in numerosi corsi di lingua e cultura greco-calabra presso istituzioni e associazioni culturali. Esperto dell’arte figurativa tradizionale greco-calabra dell’intaglio e della tessitura, settore nel quale è autore di pubblicazioni. Impegnato come medico nel campo della cooperazione internazionale, ha operato in Uganda in Albania, in Malawi e in Sierra Leone.

 

Filippo Violi
FILIPPO VIOLI - Classe 1947, consegue la Laurea in Materie Letterarie all’Università degli Studi di Messina nel 1974. Da sempre coltiva la grande passione per la lingua neogreca e nel 1988 vince la prima Borsa di Studio per frequentare i corsi di lingua neo greca all’Università di Salonicco in Grecia. Dal 2004 è Componente del Comitato Regionale Minoranze Linguistiche (COREMIL) e del Comitato Tecnico-Scientifico dell’IRRE CALABRIA nell’anno 2006. Nel 2007 è anche Componente del Comitato Tecnico-Scientifico presso Assessorato Provinciale Istruzione e Minoranze Linguistiche di Reggio Calabria. Docente oggi in pensione di storia e letteratura italiana, Violi è stato anche Editore e vice-direttore del periodico bilingue dell’area grecanica “I Fonì Dikìma” ed inoltre Editore e responsabile del periodico bilingue del Comune di Roghudi (RC) “ I Fonì tu “Richudìu”. È stato Segretario del Centro Intercomunale dei Greci di Calabria, Circolo “La Jonica” 1985 e Presidente del Circolo di Cultura Greca “Jalò tu Vùa” nel 1986. Attualmente è Presidente del Circolo di Cultura Greca “Odisseas” e del gruppo etnomusicale “Megali Ellada”. È Membro del Centro Studi di Dialettologia Calabrese (Locri-Siderno) e Collaboratore della rivista di cultura greca universitaria “Italo-Ellinikà” dell’Istituto Universitario Orientale di Napoli e della rivista “Ellinikà Minìmita” della Comunità Greca di Napoli. Dal 1999 al 2001 è stato Direttore Scientifico dell’Istituto Regionale Superiore di Studi Ellenofoni della Calabria (IRSSEC); È stato docente di Lingua e Letteratura grecanica presso i corsi organizzati dall’Assessorato alla Cultura della Provincia di Reggio Calabria. Attualmente insegna Letteratura e Lingua Grecanica presso il Circolo “Paleghenea” di Roghudi. È presidente del Premio di poesia “O Nostos” di Roghudi. È stato docente nel master si Lingua e Letteratura Grecanica presso l’Università per Stranieri “Dante Alighieri” di Reggio Calabria e docente di Cultura e Tradizioni grecaniche presso il Liceo Classico “Familiari” di Melito P.S. È stato nominato Accademico di Grecia e Magna Grecia al Premio Internazionale di Poesia Grecanica “Febo Delfi” nel 1996; Ha vinto vari e prestigiosi premi internazionali sulla poesia ed è autore di numerosi e pregevoli volumi sulla lingua e la cultura dei Greci di Calabria.

CONTRIBUTI

Vito Teti -le cui ricerche antropologiche sullo spopolamento hanno concorso ad ispirare i lavori di I Majìa.

Riccardo Consoli -Archeologo, ha fornito una consulenza agli studenti del Workshop Modellazione 3D per la ricostruzione virtuale del Castello di Pentedattilo.

Patrizia Giancotti -Esperto del Parco Culturale della Calabria Greca. Per I Majìa ha tenuto una dimostrazione di Arte del Ventaglio per i piccoli di Bova nel corso del workshop teatrale.

MODELLE E MODELLI PARTECIPANTI

Hanno posato per la Staged Photography delle Fiabe Grecaniche: I Bambini di Bova – Vincenzo Autolitano – Domenico Caldarola – Antonella Cilione – Valentina Murisano – Martina Romeo – Veronica Spinella

GRAFICA

Progettazione grafica materiali di comunicazione e Volumi “I Majìa - I Pentacunti Grecanici - Fiabe dallo Spopolamento/La Danza della Naràda” e “I Majìa - Fiabe Miti Storie e Leggende dallo Spopolamento/Immagini ed altri Incantesimi dalla Calabria Greca” - Collana Editoriale del Parco Culturale della Calabria Greca, Rubbettino Editore, 2016: Francesco Falvo D’Urso.

GAL AREA GRECANICA – ENTE PROMOTORE

Alessandra Ghibaudi - Antonina Spanò: organizzazione, amministrazione, comunicazione istituzionale.